EMANUELA GALBIATI

Arte Terapeuta ad orientamento psicodinamico, con specializzazione in Linguaggi Artistici nella Psicologia Clinica, svolge la pratica clinica in strutture ospedaliere e in studio privato, con bambini, adolescenti e adulti a Milano.

E’ Terapeuta Espressivo Certificato FAC ACCREDIA ed è iscritta al Registro Professionale degli Arte Terapeuti italiani APIArT. Dopo la Laurea in Architettura al Politecnico di Milano ha intrapreso la formazione come Arte Terapeuta presso il Programma di Formazione Quadriennale di Art Therapy Italiana, convenzionato con il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna.

Ha svolto tirocinio formativo per due anni, con pazienti psichiatrici, presso l’Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda. Ha approfondito l’utilizzo clinico dell’arte con il Master di II Livello in “Linguaggi Artistici nella Psicologia Clinica” presso l’Alta Scuola di Psicologia A. Gemelli dell’Università Cattolica di Milano. Ha frequentato il Corso Multiprofessionale “L’approccio conversazionale nella cura del Malato di Alzheimer”, promosso dall’Associazione Anchise presso l’Ospedale S.Carlo Borromeo di Milano. Dal 2012 al 2016 ha ricoperto il ruolo di Tesoriere nel Consiglio Direttivo dell’Associazione Art Therapy Italiana Sede Lombardia.

E’ membro del Gruppo di Studio e Ricerca nel campo della Medical Art Therapy (Arte Terapia in ambito ospedaliero) dell’Associazione Art Therapy Italiana di Firenze. Dal 2008 al 2011 ha collaborato con l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano dove ha condotto per tre anni un laboratorio artistico terapeutico per pazienti oncologici.

Ha condotto per quattro anni un laboratorio di Arte Terapia residenziale all’interno di un Asilo Nido di Milano, rivolto a bambini da 1 a 3 anni, ideato allo scopo di ampliare le potenzialità creative del bambino e prevenire eventuali forme di disagio legate allo sviluppo evolutivo e alla prima separazione dal nucleo familiare.

Attualmente è Consulente presso l’Istituto Geriatrico Piero Redaelli di Milano dove conduce gruppi di Arte Terapia per pazienti affetti da patologie neurodegenerative ed è Coordinatore delle Terapie Espressive dell’Unità Rieducativa Parkinson dell’Istituto.

Nel 2012, in collaborazione con Fondazione Manuli Onlus  www.fondazione-manuli.org e Intesa Sanpaolo, ha ideato il Progetto “Due passi nei musei di Milano: Arte Visiva e Arte Terapia per l’Alzheimer”, che ha condotto presso importanti realtà museali milanesi come Gallerie d’Italia Piazza Scala, Museo Poldi Pezzoli e Pinacoteca di Brera, tutt’ora attivo.

Ha svolto attività di docenza presso il Laboratorio Triennale di Musicoterapia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Statale di Milano e collabora alla docenza in alcuni Corsi Elettivi della Facoltà di Medicina e Chirurgia e della Scuola di Specializzazione in Neurologia – Monza Bicocca.

A febbraio 2016 ha fondato insieme ad alcuni colleghi l’Associazione somAnima, di cui è Vice Presidente, che propone interventi di ascolto e cura dei disturbi di origine psicosomatica.

PUBBLICAZIONI

Le stimolazioni sensoriali-acustiche per persone in stato vegetativo e di minima coscienza

E. Galbiati, L. Bressan, F. Arenare, F. Caruso et al

“Il Bassini”, rivista medico-scientifica del Presidio Ospedaliero “E. Bassini” – Volume XXVII (I) 2007

Arte Terapia: una potenzialità terapeutica affascinante

E. Galbiati, L. Bressan

Arte e Cervello: Pittura, Musica e Neuroscienze, autore Vittorio A. Sironi, Edizioni B.A. Graphis - Bari 2009

Miglioramento della qualità di vita della persona con Alzheimer attraverso le Terapie Complementari: i dati di una ricerca

E. Galbiati, L. Bressan, C. Manuli et al

“Il Bassini”, rivista medico-scientifica del Presidio Ospedaliero “E. Bassini” – Volume XXIX (I)

Arte e follia. Il legame tra genio e follia: Breve panoramica storica di pareri a confronto.

E. Galbiati, L. Bressan

``Il Bassini``, rivista medico-scientifica del Presidio Ospedaliero ``E. Bassini`` - Volume XXXIV (I)

Vecchiaia e creatività: significato della rappresentazione della senescenza nell’arte e importanza della creatività per la persona anziana

E. Galbiati, L. Bressan

Il Bassini, rivista medico-scientifica del Presidio Ospedaliero ``E. Bassini`` - Volume XXIX (II)

Recupero di immagine corporea e identità nell’Alzheimer grave attraverso l’Arte Terapia

E. Galbiati, L. Bressan

“Il Bassini”, rivista medico-scientifica del Presidio Ospedaliero “E. Bassini” - Volume XXXII (II)

RASSEGNA STAMPA

VIDEO

ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

APIArT www.apiart.eu è l’Associazione professionale di riferimento in Italia che si occupa di stabilire gli standard della figura professionale dell’Arte Terapeuta, e della tutela dell’utenza, tramite un codice etico e deontologico che regola l’esercizio della professione. L’associazione riconosce l’esercizio della pratica privata solo dopo il conseguimento di una formazione che rispetti gli standard che regolano il profilo professionale e l’iscrizione definitiva al relativo Registro Professionale.

 

LEGISLAZIONE IN MERITO

La Legge 04/2013 «Disposizioni in materia di professioni non regolamentate», sancisce le regole per l’esercizio dell’attività di diverse professioni non organizzate in ordini e collegi tra cui quella dell’Arte Terapeuta. Per quanto riguarda l’esercizio della professione di Arte Terapeuta la Legge prevede una Certificazione Europea di Competenza che si ottiene tramite esame teorico-pratico presso l’ente FAC (accreditato ACCREDIA) che rilascia il titolo di Terapeuta Espressivo Certificato, che il professionista è tenuto a rinnovare ogni 3 anni. Nel mese di novembre 2015 è stata pubblicata sul sito UNI (Ente Nazionale di Unificazione) la Norma UNI 11592:2015 «Attività professionali non regolamentate – Figure professionali operanti nel campo delle Arti Terapie – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza», che fissa i requisiti per lo svolgimento della professione di Arte Terapeuta. L’Arte Terapia è oggi una disciplina riconosciuta da una legge dello Stato.